Menu Chiudi

Categoria: Web-Radio

La situazione in Medio Oriente raccontata da Antonella Appiano

Antonella Appiano

Giornalista specializzata in Medio Oriente e Islam. Analista, ricercatrice e scrittrice. Ricercatrice e studiosa accademica dei Paesi Arabi, del Medio Oriente e dei temi legati all’Islam, del dialogo inter-religioso e interculturale.

Fabrizio Ciancio intervista Antonella Appiano, giornalista professionista, esperta in MEDIO ORIENTE e ISLAM, ci spiega e racconta del perché preferisce vivere nel “vicino” oriente dandoci le sue impressioni sul Mondo Arabo.

 

 

Buon Ascolto! 

MEDIALEAKS.it

Nicolò Gebbia – Un Ex Generale dell’Arma Ambasciatore ad Istambul

Nicolò Gebbia

Ex Generale in Pensione dell'Arma dei Carabinieri, La sa lunga sulla Massoneria e altri avvenimenti spinosi accaduti in Italia e non solo.

Qualche mese fa è andato in pensione un mio collega che è l’unico italiano a potere accampare un legittimo diritto di successione per il trono di Costantinopoli, cui ambisce per altra via, quella elettiva,Recep Erdogan. Sarebbe davvero curioso per un generale dei carabinieri , ed i miei 25 lettori credono che io stia celiando. Invece no, è tutto vero. Dobbiamo risalire a qualche anno prima della Grande Guerra, quando un ingegnere triestino fu chiamato a Costantinopoli per ammodernare la rete tranviaria di superficie e sotterranea. Maometto Sesto era un sultano moderno, tanto che sua figlia era stata mandata a studiare in Europa, e parlava uno squisito francese. L’ingegnere italiano era un bel giovanotto molto intraprendente, ed anche lui parlava bene il francese. Fu in quella lingua che nacque il casto idillio fra i due. Tu, che come un colpo di coltello…di Charles Baudelaire fu la poesia che suggellò la nascita di un amore travolgente. Oltre che italiano, l’ingegnere triestino era suddito austroungarico e quindi, invece che una mediterranea seduzione clandestina, chiese in formale udienza al Sultano la mano dell’amata . Quel giorno Maometto Sesto era di buon umore e rispose all’ingegnere che l’ilarità suscitatagli per una profferta tanto inappropriata era l’unico motivo che lo aveva convinto a conservargli la testa sul collo. Comunque fu rimandato a Trieste seduta stante. L’amore non conosce ostacoli però, e nel 1922, quando Maometto Sesto si stabilì in esilio a San Remo, la proposta di matrimonio fu ripresentata e questa volta accettata.A condizione che la prole fosse allevata nella religione del Profeta. La coppia ebbe un unico figlio, che fece il medico, ed a sua volta genero’ un altro unico figlio, il mio collega, col quale non ho mai parlato di religione. Tuttavia il fatto che si chiami Fabrizio mi induce a ritenere che non sia particolarmente devoto al profeta. Oggi abbiamo fatto colazione insieme e posso assicurarvi che ha bevuto un bicchiere di vino rosso, ordinato maialetto alla sarda e sorriso con garbo quando gli ho fatto osservare che è il primo giorno di Ramadan ed avrebbe dovuto digiunare fino al tramonto. Abbiamo parlato di donne, entrambi siamo sposati con una farmacista, ed entrambi ci annoiamo mentre le nostre mogli distribuiscono aspirine e purganti.E’ un’amicizia antica la nostra, e l’uno sopporta i difetti dell’altro, cosicché lui accetta che io sia da sempre un trozkista ed io che lui sia dichiaratamente di destra. In gioventù capito’ una volta che gli invidiassi questa sua propensione, e fu quando amoreggiava con Monica Guerritore, la donna più sensuale della mia generazione. Non capivo come mai lei, dichiaratamente di sinistra, lo potesse preferire. Ma fu Monica che chiari’ l’arcano, quando spiegò che ogni donna preferisce fare l’amore con un uomo di destra, perché solo lui sa dominarla. Tempo dopo passammo una vacanza a Cipro e ad un posto di blocco turco, quando esibimmo i passaporti, l’ufficiale della gendarmeria si mise sull’attenti davanti a Fabrizio, e dopo essersi tolto il berretto gli bacio’ la mano.Compresi allora fino a che punto, malgrado la rivoluzione laica ,in ogni turco sia tanto forte la nostalgia per l’impero ottomano, e tanto ancora immanente la devozione per la dinastia che li ha resi grandi. È per questo che propongo a Salvini e DiMaio di aggiungere un punto al loro concordato programma:nominare il mio collega ambasciatore a Costantinopoli. In questo senso egli è una riserva della Repubblica.

InfoVision – Chiudi gli Occhi e Prova a Vedere con la Mente!

ATTENZIONE!!!

MEDIALEAKS.it non si assume nessuna responsabilità, e non vuole in nessun modo sostenere che quanto verrà trattato in questo argomento, sia via testo, che Audio/Video, sia in nessun modo un metodo alternativo di cura alla cecità.

Attenzione non è una cura!.

Vi consigliamo inoltre sempre di seguire la medicina ufficiale per ogni problematica di salute che vi capita nella vita!
Noi informiamo! non curiamo!

Mark Komissarov

Originariamente un Ingegnere Chimico Russo.

Circa 12 anni fa Mark Komissarov fu testimone oculare di un fenomeno eccezionale: un uomo, guardando attraverso il muro di una stanza, riferì perfettamente i gesti che un’altra persona stava compiendo al di là della parete. 

Da allora Komissarov si interessò e iniziò la sua ricerca durata 18 lunghi anni, individuando la possibilità di una capacità umana straordinaria, trasformandola successivamente in una tecnica trasferibile. Sviluppando inoltre una teorizzazione a tutto tondo intorno alla nostra esistenza cosiddetta “umana”.

Tutto è partito dall’osservazione di persone con problemi di vista, praticamente cieche, o particolarmente sensibili, Mark si è reso così conto che alcune di loro erano capaci in condizione di cecità o bendate, di riferire sugli eventi che accadevano intorno loro, come se usassero altri organi sensoriali per poter vedere o “percepire” quei avvenimenti.

Da qui al fenomeno della percezione extra-sensoriale, di cui Mark darà nome di InfoVision;

Fenomeno che se confermato con metodologie scientifiche, non solo sarebbe eccezionale, ma porterebbe la scienza a rivedere tutte le cognizioni sensoriali che legano attorno al nostro cervello e alle dinamiche del suo funzionamento, questo perché, non importa come, ma in qualunque modo arrivi l’informazione, secondo quanto scoperto da Mark, il cervello la elabora per renderla conoscibile ed esprimibile sul piano “materiale”. 

Secondo Mark infatti, l’informazione come ogni cosa esistente è anche energia e come tale percepibile dall’essere umano anch’esso, fonte e accumulatore di energia.

IL MONDO MATERIALE… UNA IMMENSA BANCA DATI UNIVERSALE
 
Mark ci parla inoltre della sua teoria, definendo la fonte di quelle informazioni captate fuori dai normali cinque sensi, la Banca Dati Universale, una sorta di contenitore, che raccoglie ogni pensiero, azione, esperienza dei viventi, fino alla loro morte, sostenendo che il campo energetico umano (Aura) si discioglie in quel momento e si riconnette al Tutto (che chiama Olma). 

 

Quindi questo infinito contenitore universale, sarebbe una sorta di coscienza collettiva, da dove tutte le vite, passate presenti e future, nascono, e si ricongiungono nel momento della loro morte, arricchite di esperienza dal mondo materiale.

 

E’ così che ad esempio, molti di noi, pur non avendo mai fatto determinate cose, a primo colpo si riesce, sembrando di averne delle predisposizioni naturali.
Proprio perché, ad esempio, le capacità di Leonardo Da Vinci, e altri artisti e scienziati, persone comuni, sono contenute in questa fantomatica Banca Dati Universale, e quindi, tutti inconsciamente ne attingiamo senza rendersene conto, chi più chi meno.

 

NUOVE FORME DI COMUNICAZIONE
 
Certamente la teoria si presenta complessa e con un certo fascino, ed è sicuramente sulla stessa lunghezza d’onda di molte altre teorie simili; ma l’aspetto sicuramente più interessante è la costante e continua ricerca della potenzialità umana, nel cercare di superare i limiti “fisici e materiali”, quasi come se esista un vero e proprio eco-sistema sconosciuto all’immaginazione umana, coscienti che la possibilità di chiudere gli occhi potrebbe aprire nuove forme e canali di comunicazione che si potrebbero affacciare semplicemente all’infinito.
Non dimentichiamoci però, che il tutto è condito inoltre dal forte stimolo, che esista la possibilità di apprendere tutto ciò, in maniera quasi semplice e facile, attraverso dei corsi.
Ma noi, per pura esperienza personale, lo sappiamo benissimo, in realtà niente è facile nella vita; 
Noi possiamo solo dire che abbiamo scritto di tutto ciò per informare che “esiste” una nuova forma di pensiero sulla ricerca del potenziamento umano al naturale, ma ricordiamo vivamente, che spetta solo ai laboratori scientifici, e agli scienziati, con dovuti test ripetuti, la responsabilità definitiva di confermare quanto detto da Mark…
E solo se i test passeranno, allora “vedremo” se c’è qualcosa di nuovo ma soprattutto di vero e certificato!
 
Buon Ascolto!

MEDIALEAKS.it

Ascolta l’intervista:

ESCLUSIVA! – Diretta da Damasco, Siria – Intervista a Fratello Bahjat. Cosa accade veramente in Siria?

ESCLUSIVA! – Intervista al frate Francescano Bahjat da Damasco. Pesanti accuse di responsabiità dell’ Occidente nell’armare e addestrare i terroristi dell’ ISIS e non solo.

“…l’ esercito siriano non aveva nessun bisogno di usare gas, aveva già vinto la guerra…perché questi alleati hanno attaccato la Siria un giorno prima dell’arrivo della Commissione di indagine?”.

 

Buon ascolto!

 

 

 

Esclusiva – Intervista ad Antonio Ingroia. La trattativa tra Stato-Mafia, La Storia (2° Parte), Conclusioni

Il nostro Collaboratore Fabrizio Ciancio in Esclusiva, per MEDIALEAKS.it, Radio Italiana in Florida, e RF-912 intervista Antonio Ingroia storico PM che si occupò del procedimento e delle indagini sulla Trattativa Stato-Mafia.

Ne viene fuori un documento audio molto interessante, esclusivo, da non perdere, diviso per ragione di lunghezza in 2 Parti.

In questa 2° Parte abbiamo l’evoluzione ad oggi della Trattativa Stato-Mafia: ad oggi c’è stato “un rinnovo” nei primi anni novanta, attraverso le stragi di Capaci, e Via D’Amelio, che hanno visto come vittime eccellenti, i Magistrati Falcone e Borsellino, i primi ad indagare sugli “appalti” della mafia,  e che sicuramente trovarono le prime prove del patto Stato-Mafia agli inizi dei primi anni novanta, un patto che ancora c’è e funziona…e si fa di tutto per nasconderlo…minimizzarlo…

(Se ti sei perso la prima parte ascoltala cliccando qui: >>PRIMA PARTE<< )

Una cosa è certa, la Politica fa finta di nulla, mentre i Mass Media main-stream se ne lavano le mani minimizzando a livello storico, un qualcosa di veramente grave, serio e terribile!

Buon Ascolto!

2° Parte

Esclusiva – Intervista ad Antonio Ingroia. La trattativa tra Stato-Mafia, La Storia (1° Parte)

Il nostro Collaboratore Fabrizio Ciancio in Esclusiva, per MEDIALEAKS.it, Radio Italiana in Florida, e RF-912 intervista Antonio Ingroia storico PM che si occupò del procedimento e delle indagini sulla Trattativa Stato-Mafia.

Ne viene fuori un documento audio molto interessante, esclusivo, da non perdere, diviso per ragione di lunghezza in 2 Parti.

In questa 1° Parte abbiamo il racconto della storia, dalle origini ad oggi della Trattativa Stato-Mafia: c’è sempre stata, ne scrivono persino i libri di storia, dai tempi della seconda guerra mondiale e dello sbarco degli alleati…centra qualcosa addirittura la CIA…ad oggi c’è stato “un rinnovo” del patto agli inizi dei primi anni novanta, un patto che ancora c’è e funziona…e si fa di tutto per nasconderlo…

 

Buon Ascolto!

1° Parte

L’Esercito Israeliano e L’oppressione sui Civili Palestinesi

Queste sono le scene di ordinaria follia, che quotidianamente tutti i giorni accadono ai confini e sulla striscia di Gaza, luogo dove persino i più basilari dei diritti non vengono rispettati, non si può protestare o dire la propria…

Non importa neppure se a farlo pacificamente sia una madre con i loro figli…poco conta dei bambini…questo che vediamo qui è il massimo del rispetto che si può avere…oppressione e mancanza di diritti!

Perché queste atrocità avvengono? e nessuno ce le fa vedere?
Perché ci viene nascosto tutto ciò?

Anche questa volta…non è una buona visione signori!

MEDIALEAKS.it

Governo M5S e PD? Virus letale per l’ Italia

Negli ultimi 5 anni l’ M5S ha fatto di tutto per NON contrastare le devastanti decisioni del Governo Renzi per il nostro Paese ed ora si preannuncia un Governo di larghe intese Movimento 5 Stelle e Partito Democratico in barba alle proteste di molti attivisti dell’ M5S.

Comunque vada chi godrà di questa scellerata decisione, se presa, sarà come sempre Silvio Berlusconi leader indiscusso del Centro Destra e Presidente di Forza Italia, partito voluto da Marcello Dell’ Utri, condannato per concorso esterno in associazione mafiosa nel processo Stato Mafia.

Buon ascolto.

MEDIALEAKS.it

 

 

 

USA: la paorola d’ordine è “divide et impera”

Il 25 Aprile la festa della Liberazione dal Nazi Fascismo. Ma quanti crimini sono stati perpetrati negli anni bui d’ Italia dal 1970 al 1993? Forse un giorno avremo una data nel calendario dove verrà festeggiata la “Rinascita della Repubblica Italiana”. Ma temo sia ancora troppo presto.

Leggete, documentatevi, risvegliate le vostre coscienze!, cercate nomi come: 

  • Vito Miceli
  • Remo Orlandini
  • Golpe Borghese
  • Massoneria P2
  • Richard Nixon
  • Strategia della tensione
  • Gladio
  • CIA
  • Strage di piazza Fontana
  • Rapimento di Aldo Moro
  • Licio Gelli
  • Omicidio di Enrico Mattei

 

Buon ascolto!

MEDIALEAKS.it

L’Assordante silenzio dei Mass Media sulla sentenza Stato Mafia

Cosa c’è che non va? Perché dopo una sentenza storica non c’è stata reazione dei Mass-Media?
Eppure la sentenza conferma che la famosa Trattativa Stato-Mafia c’è stata, ma c’è aria di oscuramento.

In Sette minuti e cinquanta secondi il giudice Alfredo Montalto sentenzia che la Trattativa tra Cosa nostra e Stato c’è stata, e che ad averla fatta sono stati i boss mafiosi, tre alti ufficiali dei carabinieri e il fondatore di Forza Italia.

Mentre la Mafia assassinava gli storici magistrati anti-mafia come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, e si operavano le stragi di Firenze e Milano, uomini delle istituzioni hanno cercato un contatto: fu così che diventarono il canale che ha condotto fino al cuore dello Stato i Corleonesi.

Vi lasciamo all’editoriale Audio, alcune riflessioni personali e non sono di Stefano Becciolini.

Buon Ascolto!

 

Vai alla barra degli strumenti